giovedì 22 gennaio 2009

Valzer con Bashir

Un amico del regista israeliano Ari Folman è tormentato da un sogno ricorrente: 26 cani rabbiosi corrono per le vie della città e si fermano a latrare sotto la sua finestra. Il racconto risveglia in Ari un barlume di ricordi rimossi legati al suo servizio militare in Libano, avvenuto vent'anni prima. Il regista decide allora di ricostruire quel momento della sua esistenza andandone a parlare con alcuni commilitoni. I colloqui portano lentamente alla luce momenti terribili dell'occupazione militare israeliana e in particolare del massacro di Sabra e Chatila, quando i cristiani falangisti sterminarono nel campo profughi donne e bambini palestinesi come rappresaglia, in seguito all'omicidio da parte dei terroristi del Presidente libanese Bashir.
A poco a poco la verità emerge e Ari deve fare i conti con il suo passato e la sua coscienza...
Eccellente esempio di cinema autobiografico Valzer con Bashir è una riflessione atroce e mirabile al contempo sull'eterno conflitto israelo palestinese, ma è anche un film di guerra psicoanalitico, uno psicodramma freudiano.
Il regista utilizza il cartoon come memoria ricostruita del narratore, memoria conscia e fasulla, strumentale alla sua coscienza, meccanismo di difesa volontario, salvo poi nel finale fare irrompere violentemente la realtà documentaria come simbolico ritorno improvviso della verità rimossa.
Un'idea di messa in scena geniale che colpisce lo spettatore allo stomaco sconvolgendolo.
La pellicola è anche, necessariamente, un mea culpa verso la politica israeliana, un j'accuse che non può essere strumentalizzato da nessuno perché proviene da un regista ebreo che ha dedicato parte della sua giovinezza al proprio paese. Emozionante e sincero Valzer con Bashir è un'opera magnifica, incomprensibilmente ignorata al Festival di Cannes ma riscattata dal Globo d'Oro come Miglior film straniero e dalla nomination all'Oscar.

Valzer con Bashir
Regia: Ari Folman
Sceneggiatura:
Ari Folman
Durata: 87'

Animazione

Il trailer del film



La scheda di Imdb

Nessun commento: